“Non è quello che sai, è chi conosci…”

Conosciamo tutti la frase, ma continua ad esistere sul posto di lavoro oggi o il nepotismo è stato ridotto? Secondo una ricerca di HRZone, l ‘ 81,4% di coloro che cercano lavoro nel Regno Unito ritiene che il nepotismo continui ad esistere nel Regno Unito. Un ulteriore 61,3% ha dichiarato di aver visto il nepotismo verificarsi sul posto di lavoro o di essere stato vittima del nepotismo.

Che cos’è il nepotismo?

Il nepotismo è la pratica tra coloro che hanno potere e/o influenza nel favorire amici e parenti. Ciò è particolarmente pertinente nel posto di lavoro in cui coloro che si trovano in una posizione di influenza saranno più propensi a scegliere altri posti di lavoro in base al loro rapporto con loro. Potrebbe anche significare favorire personale particolare in quanto sono migliori amici o hanno migliori relazioni con loro.

Il nepotismo può manifestarsi sotto forma di lavoratori che ottengono posti di lavoro per i quali non sono qualificati. Può anche manifestarsi nei dipendenti che se la cavano con determinati comportamenti o reati minori, o nei manager che piegano le regole per alcuni dipendenti e non per altri.

Quali sono gli svantaggi del nepotismo e i problemi che provoca?

Il nepotismo ha il potenziale per produrre una cascata di problemi sul posto di lavoro. Il favoritismo trasmette una probabilità di assumere dipendenti potenzialmente più deboli. Può causare grandi sentimenti di risentimento o disprezzo tra i colleghi. Se i dipendenti sentono che qualcuno viene trattato in modo sproporzionato, può creare un ambiente tossico o ostile. Questo a sua volta ha un effetto sul morale del personale, impegno e produttività.

Il nepotismo può anche creare tossicità nel dipendente a livello individuale. I dipendenti che si sentono il loro sviluppo di carriera viene stentata a causa di nepotismo crescerà risentito e agitato nel loro ruolo attuale. Questo a sua volta ha ripercussioni per l’organizzazione. D’altra parte, coloro che stanno beneficiando del nepotismo sul posto di lavoro possono sperimentare l’isolamento dai loro colleghi. In questo senso, il nepotismo può essere visto come un’arma a doppio taglio nel danneggiare l’esperienza e il morale dei dipendenti.

Trattare con nepotismo sul posto di lavoro

Il primo e forse più importante passo è determinare se si sta vivendo o vedendo nepotismo sul posto di lavoro. È che altri individui stanno vivendo un ingiusto livello di favoritismo o è quella persona veramente qualificato per quella promozione?

Se ci sono chiari segni di nepotismo, assicurati di affrontare attentamente questo problema. Un approccio sbagliato, cioè l’assalto all’ufficio del tuo manager, non è consigliato. Rendi la tua strategia per affrontarla chiaramente documentata e facile da utilizzare per dipendenti e manager. Ecco alcune strategie consigliabili:

Per i dipendenti

1. Assicurati di documentare incidenti specifici

Prendi appunti e documenta incidenti specifici di nepotismo. Cerca di confermare le tue affermazioni guadagnando altri testimoni.

2. Raccogliere le esperienze e le opinioni degli altri

L’alternativa consigliabile a un approccio di tipo colpo di stato! Fai domande di sondaggio ma non scomode ai tuoi colleghi per acquisire ulteriori conoscenze.

3. Parlarne con un individuo confidenziale presso l’organizzazione

Impostare un appuntamento con un professionista delle risorse umane nell’organizzazione o identificare un individuo di terze parti che è più alto di te per aiutare. Cerca di organizzare il tuo incontro per sollevare il minor sospetto possibile. Ricordati di essere professionale e conciso durante la riunione. Ricorda che hai l’opportunità di avere più di un altro incontro con più di una persona per aiutare a motivare il tuo reclamo.

4. Comportati professionalmente

Indipendentemente dalla strategia che scegli di utilizzare, una caratteristica chiave per affrontare il nepotismo è comportarsi con professionalità. Continua a lavorare come faresti normalmente e affronta i problemi del nepotismo con decoro. Comportarsi in modo non professionale e senza un certo livello di dignità rischia di ritorcersi contro e impedirti di raggiungere il tuo obiettivo generale.

Per i datori di lavoro

Può essere difficile per i datori di lavoro immaginare come possano negare il nepotismo sul posto di lavoro, ma è possibile.

1. Politiche anti-nepotismo

Le politiche anti-nepotismo limitano le persone correlate a lavorare nello stesso reparto o azienda. I dipendenti che adottano queste politiche devono indicare i casi che riguardano il nepotismo. Ad esempio, le politiche possono vietare a un parente di supervisionare un altro o alle coppie sposate di lavorare insieme.

Una politica anti-nepotismo ponderata e ben definita dovrebbe consentire l’impiego di amici e parenti evitando le questioni complesse e operative associate.

2. Creare canali di comunicazione praticabili

Le organizzazioni potrebbero commettere nepotismo senza nemmeno rendersene conto! Fornire ai dipendenti una comunicazione adeguata per discutere dove i pregiudizi nepotistici possono trovarsi nell’azienda. Ciò fornisce ai dipendenti una maggiore fiducia nell’esprimere la loro infelicità in modo educato e diligente.

3.Sviluppare una struttura promozionale interna valida per parenti e amici

Quando si impiegano amici e parenti è importante essere obiettivi sul grado di lavoro in cui dovrebbero essere impiegati. Questo mostrerà agli altri che non hanno ricevuto il lavoro basato sul nepotismo, ma il loro livello predefinito di abilità ed esperienza. Esso fornisce anche amici e familiari con l’opportunità di dimostrare le loro abilità e sul perché essi possono meritare una promozione in futuro.

nepotismo sul posto di lavoro

Vuoi saperne di più? Scopri i nostri altri blog! Interessato a questo argomento? Forse ti piacerà ciò che rende una buona squadra?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.